VOLONTARIATO EUROPEO

L’associazione da un anno ha avviato progetti di volontariato europeo in collaborazione con YouNet ed ospita volontarie/i europei.

Il Servizio Volontario Europeo, diventato recentemente Corpo Europeo di Solidarietà (cioè ESC – dall’acronimo inglese) offre la possibilità a giovani cittadini comunitari di svolgere un periodo di volontariato all’estero presso un ente o un’associazione. La durata minima è di due settimane e massima di un anno. Il progetto copre le spese di viaggio, vitto, alloggio attività e tutoraggio, in più ciascun volontario riceve un supporto economico mensile che cambia in base al paese di destinazione.
Ricostruire scuole dopo un terremoto o aiutare detenute a ritrovare un posto nella società; dare una mano nei centri di richiesta d’asilo o pulire le spiagge d’Europa… sono tante le missioni che ti permettono di mostrare solidarietà!


Per partecipare a progetti di volontariato, tirocinio o lavoro è necessario effettuare l’iscrizione alla piattaforma ESC e scrivere a evs@you-net.eu.

Il Servizio Volontariato Europeo è un’offerta della Unione Europea per creare uno scambio tra associazioni e volontari in Europa. Lo SVE è aperto per tutti i ragazzi che hanno da 17 a 30 anni e vivono legalmente in un paese di partenza. Tutti i progetti sono diversi: Ci sono diverse lunghezze dei progetti (da 2 mesi a 12 mesi), diversi temi (lavoro con i bambini/giovani, anziani, disabili, adolescenti e l’ambiente) e diversi incontri delle culture europee.

L’associazione La Strada ha creato un progetto sul lavoro con i bambini e giovani per due volontari europei per un anno intero.

Io, Olga Moths, vengo dalla Germania e sto facendo il Servizio Volontariato Europeo qui a LA STRADA, cioè lavoro con i ragazzi facendo i compiti, studiando e giocando con loro. Le mie competenze linguistiche mi aiutano di dare una mano nelle materie linguistiche come inglese o tedesco. Il contatto delle culture diverse può creare un’altra relazione tra noi e i ragazzi ma da anche una nuova prospettiva interculturale a tutti. È molto bello vedere la curiosità dei ragazzi sulle culture diverse: Domande come “Da dove vieni?”, “Perchè parli inglese?” o “Dimmi una parola tedesca” dimostrano la loro curiosità. A parte della grande esperienza con i ragazzi potevo imparare tantissimo: migliorare due lingue (italiano, inglese), imparare come vivere in un paese straniero e anche imparare tanto sulla cultura italiana.”

Olga Moths, volonataria europea

Annunci